Vi presento il mio body da gara by Santini

Come è successo nelle ultime stagioni grazie a Santini anche quest’anno ho una nuova bellissima grafica per le mie divise da allenamento e per il mio body da gara.

Quest’anno però c’è di più, il mio nuovo body da gara presenta tantissime novità tecniche.

E’ stato possibile apportare tutte le novità del mio kit da gara 2020 grazie al fatto che tutti i prodotti Santini sono realizzati a mano in Italia. Un punto forte di Santini è sempre stata la personalizzazione del prodotto ma quest’anno ci siamo spinti oltre apportando miglioramenti in termini di comodità, vestibilità e di aerodinamica (riscontrata in galleria del vento).

La prima grande novità è il materiale con cui abbiamo realizzato la parte esterna della ‘zona fondello’ (il punto di contatto con la sella), la scelta è caduta su un materiale gommato (molto simile al CPC con cui sono rifinite le selle di Prologo).

L’utilizzo di tale materiale mi permette di avere un grip perfetto con il punto di contatto sulla sella senza scivolare, così posso mantenere la mia posizione aerodinamica senza alcun problema. La seconda particolarità del mio body 2020 è l’assenza del fondello.

Personalmente sotto il body vesto sempre un costume da nuoto slip e grazie a Santini ho potuto avere un costume slip con il mio fondello preferito costituito da piccoli cilindretti di gel che non assorbono l’acqua durante la frazione di nuoto e permettono una mobilità di altissimo livello.

La terza novità sono le tasche poste sulla schiena, hanno un taglio inclinato verso l’esterno.

Con questa particolare inclinazione ho facile accesso ai miei gel anche quando sono in posizione aerodinamica sulla bici da crono. Posso così alimentarmi senza spostarmi dal mio manubrio aerodinamico.

La novità che però più mi ha entusiasmato è la particolarissima struttura del tessuto che abbiamo utilizzato per realizzare le maniche e le spalle del mio nuovo kit da competizione.

Come si vede nella foto il tessuto ha differenti spessori e si vengono a creare delle striature. In galleria del vento nella zona delle braccia e delle spalle avevamo notato che si venivano a creare delle turbolenze. Grazie a queste striature di differenti spessori le turbolenze spariscono permettendomi così di essere più aerodinamiche.

Inoltre abbiamo anche allungato la manica del body fino al gomito proprio per estremizzare il risultato positivo del drag.

Sono davvero molto soddisfatto dal lavoro fatto insieme a Santini. Come sempre dico nelle gare di long distance è importantissimo avere un body comodo e performante, non a casa il motto di Santini è: FIT, PERFORMANCE, COMFORT, DURABILITY.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *